• Gastroenterologia Prof. Giancarlo Caletti
  • Gastroenterologia Prof. Giancarlo Caletti

Natura Nuova.
Nasce dalla terra, cresce fino a te.

Prof. Giancarlo Caletti

Conoscere per prevenire

  • La Cattiva Digestione ovvero la Dispepsia

    dispesia copertinaDigerire male è molto frequente. Vi sono situazioni semplici e passeggere ed altre più complesse e gravi, infatti molte malattie organiche causano una digestione problematica, prima fra tutte il cancro dello stomaco, poi il cancro del pancreas e altre patologie.

    Leggi Tutto

  • Prevenire il cancro gastro-intestinale norme igenico-alimentare

    prevenzione cancro intestinaleNonostante il bagaglio di conoscenze sulla patogenesi del cancro gastro-intestinale si sia recentemente molto ampliato, questi cancri continuano ad essere fra i tumori più devastanti nei paesi occidentali. Più del 70% di questi cancri è sporadico, cioè senza nessun precedente famigliare.

    Leggi Tutto

  • Fibromialgia e intestino irritabile

    gonfiore addominaleLa Fibromialgia (FM) è una condizione molto comune.
    Talvolta essa è chiamata fibrosite o sindrome dolorosa miofasciale.
    I sintomi principali sono dolore diffuso ai muscoli e/o alle articolazioni, astenia (stanchezza) marcata e disturbi del sonno.
    Il dolore interessa i tessuti molli in superficie, accanto o vicino alle articolazioni. Spesso sopra aree morbide, chiamate ”punti scatenanti”.

    Leggi Tutto

  • il Gonfiore, la Distensione Addominale e il Gas Intestinale

    gonfiore addominaleChe cos’ è il gonfiore addominale ?
    Esso può essere definito come la spiacevole sensazione che ci sia un pallone rigonfio nella nostra pancia.

    E’ un sintomo riferito spesso dai pazienti ed è talvolta associato a distensione, cioè l’aumento visibile dell’area compresa fra le anche ed il costato, detto comunemente giro vita.
    Gonfiore e distensione provocano fastidio e talvolta dolore, incidendo negativamente sulla qualità della vita di ogni giorno.

    Leggi Tutto

  • Il Mal di Stomaco Leggende e Verità

    dolore stomacoMoltissime persone soffrono o ritengono di soffrire di “mal di stomaco”.
    Succede che durante il giorno, specialmente dopo i pasti (in particolar modo dopo la cena della sera), si manifesti un dolore molto forte, crampiforme, localizzato all’addome superiore che va da un fianco all’altro, come una sbarra, che può durare anche ore, ma che generalmente svanisce con il sonno, per ricomparire magari alle prime luci dell’alba.

    Leggi Tutto

  • Le Emorroidi Leggende e verità

    emorroidi gastroenterologiaQuando si parla di Emorroidi si pensa di sapere già tutto. Ma è proprio così?
    Un cittadino su 3 del mondo occidentale ne è affetto.
    Pertanto attorno a questo argomento si sono stratificate negli anni molte leggende metropolitane, oggi diremmo “fake news”, che la scienza ha successivamente smentito.
    Le recenti conoscenze spesso non sono state acquisite da molti medici, che su questo argomento rimangono ancora legati alle nozioni apprese al tempo dell’università.

    Leggi Tutto

  • I Diverticoli

    diverticolitejpgI diverticoli sono delle estroflessioni o tasche della parete del tubo digerente.
    Possono formarsi in ogni suo tratto, dall’esofago al colon, ma la loro sede più frequente è il colon.

    Il colon, detto anche intestino crasso, è l’ultima parte del tubo digerente che va dall’appendice all’ano.

    Leggi Tutto

  • Il dolore addominale a cura del Prof. Giancarlo Caletti

    IBSCAPIRE E CURARE IL DOLORE NELL’INTESTINO IRRITABILE (IBS)

    Libera traduzione ed adattamento di G. Caletti da Drossman DA, Understanding and managing Pain in Irritable Bowel Syndrome (IBS). International Foundation for Functional Gastrointestinal Disorders: 2017-274

    Il dolore è il sintomo principale lamentato dai soggetti affetti da “sindrome dell’intestino irritabile” (IBS); esso si associa quasi sempre ad alterazioni dello svuotamento intestinale che si manifestano con diarrea, stitichezza od entrambe alternativamente.

    Leggi Tutto

  • Consigli dietetici per la sindrome dell'intestino irritabile a cura del Prof. Giancarlo Caletti

    low fodmapsLa sindrome dell’intestino irritabile è un disturbo cronico, che colpisce moltissime persone ed è caratterizzato da sintomi, variabili per intensità e durata, come il gonfiore e il dolore addominale, associati a diarrea cronica e/o stitichezza, meteorismo, flatulenza

    E’ un disturbo funzionale, ovvero non è associato ad una specifica malattia, ma si presenta in persone con alterata motilità e sensibilità intestinale. Ciò significa che l’intestino è iper-reattivo a numerosi stimoli, come l’alimentazione, lo stress, le emozioni, il periodo mestruale, le infezioni gastrointestinali. È un disturbo assolutamente benigno che non comporta un aumentato rischio di malattie (come il cancro del colon) o una ridotta aspettativa di vita, può però influire negativamente sulle attività di ogni giorno

    Leggi Tutto

  • Tempo & Denaro del 09/06/2017

    fichirai3Lintestino pigro è un problema che va a influire sulla regolarità della digestione.

    Diverse le cause che possono influire: una dieta scorretta è uno dei principali fattori, insieme allo stress e ad un eccessivo accumulo di tossine nellorganismo.


    Quale è la giusta dieta per un intestino pigro? Elisa Isoardi ne parla con il professor Giancarlo Caletti, Direttore Unita Operativa Complessa di Gastroenterologia Universita di Bologna.

    Leggi Tutto

Prof. Giancarlo Caletti

Attività Scientifica ed Assistenziale

Si è dedicato allo sviluppo dell'endoscopia digestiva, eseguendo fra i primi in Italia la Colangio-Pancreatografia Retrograda per via Endoscopica, metodica allora (1973) considerata rivoluzionaria per la diagnostica delle affezioni bilio-pancreatiche.
Negli stessi anni il suo gruppo di lavoro ha contribuito in modo significativo allo sviluppo della ecotomografia transaddominale in patologia digestiva facendone apprezzare il ruolo fondamentale in questo settore.

È stato il primo in Italia ad eseguire la Papillo Sfinterotomia per via Endoscopica (novembre 1974), metodica tuttora considerata validissima nel trattamento della litiasi e dei tumori delle vie biliari extra-epatiche e di alcune affezioni pancreatiche, ed ha apportato alcune modifiche personali alla tecnica riconosciute molto utili dalla comunità endoscopica internazionale.

All'inizio degli anni 80, il suo interesse si è diretto allo studio della terapia endoscopica dell'ipertensione portale e delle sue complicanze. Acquisizioni rilevanti si sono avute nello studio epidemiologico del sanguinamento da varici esofagee, nella valutazioni di nuovi farmaci per il trattamento medico delle stesse (terlipressina), nonché la messa a punto della Scleroterapia Endoscopica e della Legatura Elastica delle varici esofagee.

La “Sindrome dell’Intestino Irritabile” (IBS)

Circa il 10-15% della popolazione adulta di tutto il mondo è affetta da sindrome dell’intestino irritabile o IBS (dall’inglese Irritable Bowel Syndrome), in Italia chiamata da sempre, ma impropriamente “colite”.

I Disturbi Funzionali Gastrointestinali (FGID)

Cosa sono?
Con questa denominazione si comprendono tutte quelle condizioni in cui le normali funzioni motorie e la sensibilità dell’innervazione dell’apparato digerente sono alterate, ma alla cui origine non si riesce ad evidenziare una causa organica.

Gastro News

  • SARS-COVID-19 e Apparato Digerente

    I Coronavirus appartengono ad un’ampia famiglia di virus RNA come il virus influenzale annuale.
    E’ ormai noto a tutti che i sintomi respiratori tipici della malattia COVID-19, consistenti in febbre, tosse secca ed eventualmente dispnea sono le manifestazioni cliniche più frequenti, molto simili a quelle della SARS (Severe Acute Respiratory Syndrome) del 2003 e della MERS (Middle East Respiratory Syndrome) del 2012, da noi fortunatamente quasi sconosciute 1 .
    Queste analogie fra le diverse sindromi confermano che la trasmissione avviene attraverso le goccioline di saliva (droplet infection) e con contatti diretti interumani 2 .
    Tuttavia, sintomi meno comuni quali diarrea, nausea, vomito e dolore addominale sono riscontrati con frequenza molto variabile nelle diverse popolazioni, spesso presentandosi in forma precoce e leggera, spesso seguiti dalla tipica sindrome respiratoria 3 .

    Leggi Tutto

  • L’undicesimo comportamento da seguire:

    L’undicesimo comportamento da seguire:
    Quando le goccioline di saliva con i virus si posano sul cibo
    Prof. Giancarlo Caletti Gastroenterologo, Professore dell’Alma Mater; Casa di Cura Toniolo, Bologna.

    Se si mettesse in una stanza buia mentre si parla una lampada a luce ultravioletta, si vedrebbe una nuvola di goccioline emesse dalla bocca che invadono l’aria circostante

    virus cibo 1

    All’interno di queste possono esservi virus di vari tipologie. La lista completa degli agenti patogeni trasmessi in questo modo sarebbe lunga e non indispensabile a chiarire i problemi odierni.
    A seconda della grandezza di questi ospiti e quindi a seconda del loro peso le goccioline fanno voli più o meno lunghi.
    La distanza di volo di queste goccioline può essere anche di 2-3 metri.

    Infine le goccioline, al termine del loro “volo”, atterrano sulle superfici circostanti.
    Il COVID 19, meglio conosciuto come Coronavirus, viene trasmesso con le goccioline di saliva che il soggetto contagiato emette tossendo, starnutendo ed anche parlando.
    Queste goccioline contenenti virus possono pertanto raggiungere gli occhi (congiuntiva), la bocca e il naso di chi è vicino e così contagiarlo.

    Quanto sopravvivono i virus al di fuori del corpo umano, “atterrati” sugli oggetti o superfici circostanti?
    I dati disponibili sono molto variabili.
    Alcuni ricercatori hanno stabilito non più di 9 ore, ma un recentissimo studio pubblicato sul Journal of Hospital Infection afferma che il COVID 19 rimane contagioso fino a 9 giorni da quando è uscito dal corpo umano.

    Leggi Tutto

  • Uccidere o non Uccidere l’Helicobacter pylori ?

    Uccidere o non Uccidere l’Helicobacter pylori ? Questo è il (nuovo amletico) problema !
    Prof. Giancarlo Caletti Gastroenterologo, Professore dell’Alma Mater; Casa di Cura Toniolo, Bologna.

    Nel numero di dicembre 2019 dell’autorevole rivista “The American Journal of Gastroenterology”, giornale ufficiale dell’American College of Gastroenterology, sono apparsi 2 articoli firmati da eminenti studiosi, che hanno bruscamente risvegliato dal torpore prenatalizio i gastroenterologi di tutto il mondo, rimettendo in discussione la storica linea di comportamento per la cura di questa infezione (1,2).
    Come si evince facilmente dai due titoli, ambedue gli scritti demoliscono con argomenti concreti e plausibili la linea di azione finora seguita da tutto il mondo medico, consistente nel trattare sempre ogni paziente trovato affetto da Helicobacter pylori (HP) fino ad ottenerne la completa eradicazione.

    Leggi Tutto

  • Il Cancro del Pancreas

    Prof. Giancarlo Caletti, Gastroenterologo Casa di Cura Villa MF Toniolo Bologna

    Novembre: mese dedicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità all’informazione sul Cancro del Pancreas
    L’incidenza e la mortalità per tutti i cancri sono in rapido aumento in tutto il mondo.
    Tale aumento è ritenuto effetto della crescita numerica della popolazione e del suo invecchiamento; allo stesso tempo è mutata la prevalenza dei più importanti fattori di rischio per il cancro, molti dei quali avanzano di pari passo con lo sviluppo socio-economico delle popolazioni.
    Il Cancro del Pancreas, un tempo considerato un tumore raro, è oggi la causa crescente della mortalità per cancro in tutti i paesi. Fra il 1990 ed il 2017 la sua incidenza è aumentata di 2-3 volte in ambedue i sessi, passando dai 196.000 casi annui a 440.000 nel 2017, anno del più recente censimento.

    Leggi Tutto

  • Un requiem per la Ranitidina ?

    La Federal Drug Administration degli Stati Uniti (FDA) ha recentemente lanciato numerosi avvisi di allarme su alcune formulazioni di ranitidina, incluso il noto Zantac, prodotte dalla ditta SARACA LABORATOIRES sita in India. in cui erano state rinvenute tracce di impurità, identificate come N-nitrosodimetilammina (NDMA).
    Questa sostanza, sulla base di accurati studi di laboratorio e test su animali, è da tempo classificata dai tossicologi come probabile agente carcinogenetico per l’uomo.
    Si sa anche che tracce di NDMA sono presenti nell’ambiente e sono state rinvenute nell’acqua potabile e nel cibo (latticini, carne, verdura).

    Leggi Tutto

5Xmille EUS Club

Per sostenere il Club con il 5 per mille è sufficiente indicare il Codice Fiscale 91223980375

Prenotazione visita specialistica

Poliambulatorio Agresti
Via degli Agresti 4, 40123 Bologna
Tel: +39  051-230111

Casa di Cura Madre Fortunata Toniolo
Via Toscana, 34 - 40141 BO
Tel. + 39 051 6222412 Tel. + 39 051 6222409

Centro San Pellegrino Polo Specialistico
Via Del Novecento 17 - 61122 Pesaro PU 
Tel: 0721 456310 Tel: 0721 415898

© 2012 Gastroenterologiaunibo.it | credit: Projectweb.cloud